BOURABIA: STORIA E FUTURO

23 marzo 2019

27 anni, gioca al calcio dall'età di 6. Inizia con il Digione, frequenta il centro di formazione di Sochaux, debutta come professionista nel Grenoble.Nel 2009 gioca nel Monaco dove debutta nella ligue 1 per 10 minuti, rimanendo colpito pre l'estrema velocità del gioco professionistico.Passa al Lion de l'Atlas, che retrocesso gli offre la possibilità di giocare con più continuità. La sua carriera in Francia sembra volgere al termine, nonostante la mano tesa di Rudi Garcia, e con l'aiuto di un amico si trasferisce in Bulgaria dove difende i colori di Lokomotiv Plovdiv, Cherno More e Levski Sofia prima di trasferirsi in Turchia, nel Konyaspor con il quale gioca l'Europa League e attira l'attenzione di De Zerbi. Il mister lo cerca per il Benevento ma riesce ad averlo in Italia solo una volta passato al Sassuolo.

Trova gli allenamenti lunghi, talvolta pesanti, con molta attenzione agli aspetti tattici; tutto è analizzato, nulla è lasciato al caso. 

Attribuisce il calo del Sassuolo alla partenza di Boateng:"ci manca, è un leader nello spogliatoio; è una persona molto accattivante, si è persa una persona importante pe la squadra. Per quanto riguarda il gioco, dà del tu al pallone. Siamo contenti per lui, non si può rifiutare il Barcellona, ma è certo che ciò oggi ci penalizza"

E' un motivo di orgoglio la sua partecipazione alla nazionale marocchina, che lo pone alla ribalta nella Coppa d'Africa e apre opportunità per il mercato estivo:"ho già avuto manifestazioni di interesse a gennaio, vedremo cosa offrirà il mercato. Non mi attira il campionato francese, l'Olympique di Marsiglia mi seguiva quando giocavo in Europa League ma non si concretizzò nulla.Ho sempre amato viaggiare, sono una persona aperta quindi non mi spaventerò nel tentare una nuova avventura all'estero".